Gita a …

Questo titolo mi ricorda tanto la famosa pagina della Settimana Enigmistica. Quella che si compila quasi da sé, basta avere un po’ di intuito e lanciarsi nelle risposte alle definizioni fotografiche del luogo visitato: il Duomo, la Collegiale, Piazza Unità d’Italia, Viale delle Rimembranze, … O mamma! Si avvicina la vera Estate e non posso andare in edicola a prendermi la tradizionale copia ferragostana della SE. Chissà che non la spediscano anche all’estero.

Continua a leggere

Annunci

Go0O0o0O0oal!

“È bastata una cannonata, hai detto basta e te ne sei annata …”

E così ho fatto anche l’esperienza dell’italiano all’estero che pur di riuscire a vedere la partita della nazionale se ne va, solo soletto, sotto il temporale e senza ombrello, nel locale più affollato della città, dove trovare dei perfetti sconosciuti connazionali con i quali urlare e perdere la voce alle gesta “eroiche” dei nostri calciatori.

Continua a leggere

Trovata!

Non credo ai miei occhi e tanto meno alle mie papille, sia olfattive che gustative. Al primo vero tentativo sono riuscito a mangiare un ottima pizza, proprio a MehlPlatz (trad. Piazza della Farina), nel centro turistico di Graz, al pian terreno del così chiamato Palazzo Inzaghi e di fronte alla famosa bifora del GlockenSpiel. Un posto di solito affollato, ma non questa sera. Il temporale pomeridiano deve aver convinto la massa a starsene chiusa in casa.

Continua a leggere

Piove

Un Giugno così piovoso e fresco non se lo ricorda nessuno da queste parti e, mi sembra di poter dire, neanche a Milano. Lasciatemi fare una premessa. Non mi trovo in Groenlandia, il tempo atmosferico qui su altro non è che quello che si ha nel nord Italia, con al massimo un giorno di ritardo. Magari (lo spero) è leggermente un po’ più fresco ma le variazioni sono identiche. Per questo continuo a seguire l’andamento del tempo in Lombardia.

Continua a leggere

Corso di Sopravvivenza – Lezione 1

Le Tigelle

Non vorrei sembrare ipercritico ma chi mi conosce un po’ sa che, per cultura familiare, per educazione e convinzione personale, su certi argomenti sono molto esigente. Lascio che altri facciano come preferiscono, almeno finché non invadono il mio territorio e non manco di dare la mia dose di feedback, quando lo ritengo opportuno (e tanto meno non a perdere), consapevole che sul giusto terreno e con le giuste argomentazioni possa dar luogo ad un miglioramento. Per quel che riguarda il cibo e le usanze alimentari, poi, ne faccio una vera religione, convinto che quel che mangiamo condizioni non solo la nostra salute fisica ma anche quella mentale.

Continua a leggere